giovedì 7 febbraio 2013

dal libro degli ospiti www.Artmajeur.com/linoruiu

07/02/2013 Buonasera. Le rispondo brevemente. Il matrimonio è una cerimonia non un’attività finanziaria, così come noi nasciamo in seguito al matrimonio, quasi sempre. Certo, il matrimonio può essere inteso come un valore perché i valori possono essere intesi come obiettivi fortemente auspicati, cui gli individui attribuiscono ad essi un particolare significato morale. Il nostro sistema di valori, non deve mai comprendere le persone come eventuale ingombro; quindi se non si è sicuri, meglio non sposarsi. Se ha problemi di come gestire il suo patrimonio, il matrimonio è uno degli ultimi problemi. La sequela di avvenimenti funesti, hanno colpito anche persone single; a mio avviso troppo precipitose di includere parenti ed affini, nonché gli amici, nel proprio testamento. Il matrimonio è un valore, ed in tal senso, per i figli, è difficile capire la separazione dei propri genitori. Non conosco figli di genitori separati, quindi non so nemmeno per esperienza indiretta. Che la separazione sia meno frequente tra persone di umile ceto? Non so. Può essere. Credo che la maggior frequenza di casi di separazione, dipenda dalla quantità illimitata di sciocchezze in cui credono alcuni nuclei familiari, dove l’infingardaggine caratterizza il rapporto coniugale. Il denaro non è una determinante, può esserlo. È bene che i valori, come il matrimonio, non possano essere utilizzati per legittimare l’esclusione sociale di individui singoli, coniugi separati o gruppi. È bene che ognuno di noi possa esprimere un consenso o un dissenso. La ringrazio per la stima. Cordiali saluti. Lino Ruiu

Nessun commento:

Posta un commento

Proverbio

Dice un proverbio: Quando i figli sono accordati dai propri genitori,   …e anche quando essi   venissero colti dall’eterno ripo...