lunedì 1 dicembre 2014

Il proprio nome per esprimere ed estrinsecare le proprie capacità e qualità.





01/12/2014 Devo premettere che sono per l’uso del nome dato alla nascita o per l’uso di una parte del proprio nome perché una persona chiamata col proprio nome è messa in condizioni di esprimere ed estrinsecare le proprie capacità e qualità. In situazioni lavorative dove l’emergenza richiede brevità nel comunicare, potrebbe sembrare come rifiutare di porgere l'aiuto richiesto; sembrerebbe che, in un’epoca dove il nome potrebbe non significare più nulla, in favore degli acronimi, il nome subisce una trasformazione, per praticità. Il nome è importante, per la sua unicità, pur esistendo persone con lo stesso nome. Per rispondere alla domanda con un esempio pratico, quando iniziai il servizio civile, presso un ente di pubblica assistenza in Toscana, il mio nome Pasqualino, si trasformò in Pasquale; in modo molto veloce, mi trovai a sentire spiegazioni sull’uso dei mezzi di soccorso, sentendo il mio nome modificato in Pasquale. Il nome, così modificato, ebbe il sopravvento forse perché più pratico nell’uso. Ero cosciente che avrei dovuto abituarmi alla modificazione del mio nome per un periodo limitato e nell’interesse della praticità verbale della situazione lavorativa; non mi opposi, perché cosciente del differente ambiente fonico toscano, così com’è differente l’ambiente fonico di altre regioni. Considerai l’utilità del mio nome così modificato o del sentirmi chiamato con il cognome. Esistono alcune regioni del nord così come del centro meridione d’Italia, dove i suoni linguistici come “lino” “tino” “nino” “pino” “sino” oppure “lin”, ” tin”, “nin” “pin” “sin”, che in genere sono la parte finale del vocabolo, sono percepiti come diminuitivi di un ipotetico vocabolo base, così ad esempio i nomi, i cognomi etc. Differente è l’uso di una parte del proprio nome, come nel mio caso, Lino costituirebbe una parte del mio nome, allo stesso modo identificativo. Differenti sono i diminutivi, che alcune volte divengono identificativi quanto il nome; che si potrebbero rivelare valorizzanti o inadatti in alcune situazioni. Grazie per la stima. Cordiali saluti. Pasqualino Ruiu.



Nessun commento:

Posta un commento

Proverbio

Dice un proverbio: Quando i figli sono accordati dai propri genitori,   …e anche quando essi   venissero colti dall’eterno ripo...